DECRETO RILANCIO, detrazione del 110% per la riqualificazione energetica

Anche se il Decreto Rilancio e la detrazione del 110% non hanno ancora concluso il loro iter autorizzativo possiamo dire che si tratterà di una vera rivoluzione.

Da pochi giorni infatti è stato emanato ufficialmente il decreto che si promette di rilanciare la nostra economia.

In particolare, per l’edilizia, si tratterà di un’importante maggiorazione della detrazione fiscale per interventi di riqualificazione energetica e miglioramento sismico.

La quota detratta sarà poi recuperata in soli 5 anni dal contribuente, e non nei soliti 10.

Ma vediamo meglio a quali interventi si applica la super detrazione.

Detrazione 110% per interventi di miglioramento energetico

Diciamo subito che per godere della detrazione del 110% non è possibile eseguire piccoli e locali interventi.

Il beneficio è destinato infatti a tutte le opere di miglioramento energetico a patto che avvengano congiuntamente ad almeno uno dei tre seguenti interventi edilizi:

  • Installazione di cappotto termico su una superficie maggiore del 25% delle superfici disperdenti
  • Sostituzione di impianti termici condominiali centralizzati a condensazione oppure alimentati con pompa di calore, compresi generatori ibridi o geotermici.
  •  Sostituzione di impianti termici unifamiliari alimentati con pompa di calore, compresi generatori ibridi o geotermici.
  • Opere di miglioramento sismico

Le disposizioni del decreto sono applicabili ai Condomìni e alle abitazioni principali.

Salvo chiarimenti sembrano però esser compresi anche gli immobili non residenziali che partecipino, in ambito condominiale, alla riqualificazione dell’intero stabile o del suo impianto a patto che il beneficiario della detrazione sia una persona fisica (escludendo dunque attività imprenditoriali).

Le spese soggette alla detrazione del 110% saranno quelle sostenute dal 1° Luglio 2020 al 31 Dicembre 2021 che certifichino, a firma di tecnico abilitato, il miglioramento di almeno due classi energetiche.


Qui il testo completo.

Finestre e impianti fotovoltaici?

La sostituzione delle finestre o l’installazione dell’impianto fotovoltaico, se non abbinati ad altri lavori di miglioramento energetico, non beneficiano della detrazione del 110%.

Il Decreto mira infatti ad incentivare lavori edili più cospicui e completi, atti ad un miglioramento energetico concreto di immobili, per lo più, residenziali.

La sola sostituzione delle finestre, dunque, conserva la deducibilità del 50% dei costi sostenuti.

E per i lavori in corso?

Il testo del decreto, all’Articolo 119 che tratta gli incentivi per l’edilizia, parla di spese “rimaste a carico del contribuente”.

Ciò significa che se ci sono le condizioni per applicare la detrazione del 110% alle opere eseguite ma non ancora pagate, è possibile applicare le nuove misure incentivanti.

E’ quindi possibile per i cantieri in corso di realizzazione, o per interventi non ancora pagati integralmente, accedere alla super detrazione.

Cessione del credito

La detrazione fiscale spettante ai lavori edili di riqualificazione energetica e miglioramento sismico trattati nel Decreto Rilancio è cedibile all’impresa di costruzioni che esegue le opere.

Anziché sostenere le spese necessarie per i lavori, detraendone poi il 110%, è consentito cedere questo beneficio all’azienda che esegue i lavori che sconterà dunque l’intero importo.

Se in ambito condominiale la cessione del credito, o sconto in fattura, erano strumenti già utilizzati è una vera e propria novità per le abitazioni unifamiliari per le quali la misura è stata valida solo fino alla fine dello scorso anno.


Livinstudio progetta e coordina interventi di riqualificazione energetica che beneficiano della cessione del 110% del credito di imposta.

Per maggiori informazioni, quesiti e richieste di intervento chiedi una consulenza utilizzando il link a fondo pagina precisando possibilmente:
– Tipologia di edificio (condominio, casa singola, villa a schiera ecc..)
– Intervento edilizio da realizzare
– Ubicazione


Alessandro Prandini geometra


Torna al Blog